la bigiotteria creativa delle follette

mercoledì 3 marzo 2010

per non sprecare il cibo

canederli allo spek.

Quando i resti di pane riempiono il sacchetto in stile country dove li conservo, è il momento di fare i canederli. I canederli hanno la forma delle polpette, l'ingrediente principale è il pane raffermo. Sono un piatto tipico della cucina delle dolomiti e presentano molte varianti.

Cucino per la mia famiglia i canederli allo spek che si consumano in Trentino , ne preparo abbondantemente poiché si conservano bene anche in freezer.

Gli ingredienti per preparali in abbondanza sono:

Circa un chilogrammo di pane raffermo spezzettato. Lo tengo nel sacchetto di stoffa e lo rompo con il batticarne in pezzettini, la parte che si sbriciola fine la tengo per macinarla a pangrattato. Lascio in ammollo nel latte, un litro e più, in una zuppiera bassa e larga, i pezzettini di pane raffermo rivoltandoli di tanto in tanto, finchè non si ammollano bene. Intanto fate rosolare una grossa cipolla tagliata fine e quando il pane è ammollato strizzatelo bene e mescolatelo con la cipolla, tre uova , 3 o 4 ettogrammi di spek tagliato a dadini piccoli o macinato ( ma non deve essere una poltiglia), 150 grammi di farina ed il parmigiano secondo il vostro gusto. Se l'impasto risulta molle aggiungete dell'altra farina e naturalmente il sale. Impastate bene e formate le polpette.

Quelle che non consumo subito le surgelo in questo modo. Su vassoio di cartone o una vaschetta grande di alluminio pongo un foglio di carta da forno distendo le polpette, copro con delle buste o la pellicola. In questo modo surgelano più rapidamente e quando si sono surgelate le ripongo nei sacchetti da freezer così non occupano molto spazio.

I canederli vanno cotti in brodo di carne e se anche quando li cuocio a volte mi capita che non rimangono ben compatte e perdono in estetica, sono buoni lo stesso

0 commenti: